sabato 30 gennaio 2016

Privacy ed email aziendale

Ha fatto molto discutere la recente sentenza datata 12 dicembre della Corte europea dei diritti umani che nell’esaminare un ricorso di un ingegnere romeno licenziato per inadempimento contrattuale, provato anche dall'utilizzo per fini personali, in orario di lavoro, della mail aziendale, ha ritenuto non irragionevole il bilanciamento tra privacy dei dipendenti ed esigenze datoriali, ammettendo, quindi, il controllo datoriale sull'attività lavorativa nella misura in cui sia strettamente proporzionato e non eccedente lo scopo di verifica dell'adempimento contrattuale.
Vedi il seguito su Altalex