sabato 28 aprile 2012

Ricevete telefonate mute? Contattate l'ANDIP

Ultimamente stanno aumentando sempre di più le cd. telefonate pubblicitarie “mute” che in realtà non sono altro che malfunzionamenti di sistemi automatici di chiamata. 
Considerato che molti abbonati ci stanno segnalando la ricezione ripetuta e continua, a volte anche per 10-15 volte di seguito, di chiamate senza alcuna risposta, l'ANDIP (Associaziona Nazionale per la Difesa della Privacy) ha organizzato un servizio specifico per contestare e debellare questa fastidiosissima prassi delle società telefoniche. 
E' sufficiente, quindi, rivolgersi all'Associazione o telefonando ai numeri 0813799948 - 3935403198 oppure inviando un messaggio a difesaprivacy@yahoo.it. 
L'ANDIP raccoglierà tutte le segnalazioni degli utenti ed invierà all'Autorità Garante un intero dossier chiedendo un intervento immediato per fermare una volta per tutte queste telefonate, che la stessa Autorità ha considerato illegittime.

domenica 22 aprile 2012

Plagio su Internet con sorpresa

Davvero divertente un caso che è capitato ad un mio amico mediatore anche se nello stesso tempo mi ha fatto riflettere molto sui profondi cambiamenti culturali che ha comportato la diffusione di Internet. Ovviamente non potrò riferire né nomi né altre circostanze particolari. 
Il caso ha visto due giuristi scontrarsi sulla paternità di un’opera pubblicata su Internet per una nota casa editrice. 
Uno di questi giuristi che chiameremo Tizio ha contestato l’originalità dell’opera pubblicata da Caio su una rivista telematica, in quanto analoga allo stesso scritto che Tizio aveva pubblicato in precedenza sul suo blog e ne chiedeva quindi la rimozione immediata con conseguente risarcimento di danni morali e materiali. La questione è stata contraddistinta anche da antipatici episodi di rivalità tra i due giuristi che lasciavano intuire un’acredine piuttosto elevata. 
Il mediatore è riuscito a risolvere la questione facendo leva sul buon senso di tutti e la casa editrice, parte costituita in sede di mediazione di fronte a Tizio, ha accettato di pubblicare alcuni articoli di Tizio in cambio del totale rigetto da parte di Tizio di tutte le sue pretese. 
A questo punto, una volta risolta la questione il mediatore, per pura curiosità, si è posto il problema di capire chi in realtà avesse ragione in merito al contenzioso, anche se ovviamente questo non deve mai essere il proposito di un mediatore. 
Ebbene sapete cosa ha scoperto? 
Non aveva ragione nessuno. Difatti entrambi avevano plagiato un giurista straniero riportando fedelmente la traduzione in italiano del suo articolo. 
Questo è Internet nel bene e nel male.

sabato 21 aprile 2012

Facebook ed attività imprenditoriale

Il 19 aprile ho partecipato ad un interessante convegno su "Facebook e norme di diritto" organizzato dalla Camera Civile degli Avvocati di Belluno. La mia relazione ha analizzato i rapporti tra Facebook ed attività imprenditoriale con un occhio particolare ai primi conflitti di carattere commerciale.
Buona lettura!!!

eBook ''ODR: risoluzione alternativa on-line delle controversie''

Il grande sviluppo delle procedure di risoluzione alternativa delle controversie (ADR), che si è avuto negli ultimi tempi, ha inevitabilmente coinvolto anche le procedure di Online Dispute Resolution (ODR) che hanno avuto origine negli Stati Uniti e si sono diffuse notevolmente in ambito europeo. Con il presente lavoro vengono esaminati i principali strumenti di risoluzione alternativa delle controversie on‐line, con un occhio particolare ai paesi anglosassoni. Ci si sofferma anche sugli aspetti inerenti lo svolgimento concreto della procedura e sulla corretta stesura del regolamento di un Organismo di conciliazione che intende operare anche in ambito telematico.
L'e-book fa parte della collana giuridica curata dal sottoscritto su Altalex e dedicata all'informatica giuridica.

sabato 14 aprile 2012

Pubblicato il programma ufficiale del Privacy Day 2012


Il programma del 2° Privacy Day del 9 maggio 2012 è finalmente pubblicato in via ufficiale: una maratona non-stop densa di interventi di massima attualità per gli addetti ai lavori, con moltissimi ospiti di prestigio: decisamente un Privacy Day ancora più promettente della prima edizione, che già riscosse uno straordinario successo con oltre 400 presenze e l'apprezzamento delle istituzioni. Visualizza il programma ufficiale del Privacy Day 2012.
Dopo la presentazione della giornata e i saluti delle autorità, (è in attesa la conferma di chi svolgerà il ruolo di moderatore tra alcuni trai volti noti del giornalismo), inizierà il programma l’Avv. Valentina Frediani con l’intervento “Riformulazione del concetto di “interessato”: cosa cambia concretamente nelle aziende”, poi sarà il Dr. Andrea Chiozzi, Presidente di Metis Lab ad illustrare le “Semplificazioni Governo Monti: cosa cambia per le aziende dopo l’abolizione del Dps”. Ma si parlerà anche riguardo a “Privacy ed ispezioni: requisiti, modalità, esempi, sanzioni”, per poi passare “Alla scoperta del nuovo Garante: intervista all’ Authority in vista delle prossime sfide da affrontare “.
A seguire, il Colonnello Umberto Rapetto, Comandante del Gat, (Nucleo anti-frodi informatiche dalla Guardia di Finanza, aiuterà i partecipanti a “Conoscere le minacce che girano intorno ai dati per difendere la nostra azienda nell’era digitale”. E alla luce anche delle ultime vicende di cronaca, sarà di centrale interesse seguire l’Avv. Rosario Imperiali nella sua relazione ”Salute e paziente: due facce di un'unica medaglia”, cosi come l’Avv. Monica Gobbato che spiegherà quali sono “Le insidie che si celano nei social network nell’era della geo-localizzazione”. Invece, l’Avv. Marco Soffientini, Delegato Federprivacy per la provincia di Arezzo, dissiperà i dubbi degli addetti ai lavori su “Internet e posta elettronica aziendale: quando e come il lavoratore può essere soggetto a controlli da parte del datore di lavoro”.
Ma ci saranno anche relazioni su tematiche “fresche” che di recente sono entrate di petto nella sfera della protezione dei dati personali come “La protezione dei dati nell’era del mobile device: rischi e opportunità nell’uso di tablet e smartphone” a cura del Dr. Daniele Gombi, Fondatore e CEO di Polaris, nonchè membro della Consulta UNICT, e la “Distruzione sicura dei dati: la nostra privacy passa anche per i rifiuti”. E non poteva mancare nel programma una parte dedicata a l’ “Utilizzo di sistemi di videosorveglianza “intelligente”: al passo con i tempi, ma nel rispetto della normativa privacy”.
Ma si guarderà anche al prossimo futuro con la Dr.ssa Rita Di Antonio della Associazione Americana IAAP con l’intervento “Il Privacy Officer: ruolo chiave in azienda nell'era del 'big data'. Come prepararsi alle nuove regole in arrivo dalla Unione Europea”, e l’Avv. Luca Bolognini, Presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy che farà il punto della situazione su “Il Nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali: ultimi aggiornamenti da Bruxelles”. Per questi ultimi due interventi di prospettiva internazionale, sono anche attesi collegamenti in teleconferenza dall’estero.
E non è finita qui, in quanto nel pomeriggio Marcello Polacchini sviscererà le ultime modifiche apportate al Codice della Privacy con il tema: “Semplificazioni e abolizione del Dps: il rovescio della medaglia”. Sempre durante il pomeriggio, un altro ospite d’eccezione, l’Avv. Antonio Ciccia, affronterà l’argomento “Privacy & Condominio: problematiche da gestire per prevenire liti e contenziosi”.
Sarà poi la volta dell’Avv. Luca Giacopuzzi, con gli “Amministratori di Sistema: rischi e pericoli derivanti dall’inosservanza del Provvedimento del Garante”, e si parlerà anche di Legge 231 con “I modelli organizzativi con riguardo alle nuove tecnologie informatiche e alla tutela dei dati personali” nella parte condotta dal Dr. Matteo Colombo, Amministratore Delegato di Labor Project.
E sarà dato spazio anche alla tutela della nostra privacy come “privati cittadini”, con il Colonnello Rapetto che ci aiuterà a difendersi da “Furto d’identità, phising & truffe online: violazioni privacy di criminali a danno del cittadino”, e “Violazioni Privacy: strumenti di tutela a difesa del cittadino”, con il dott. Michele Iaselli, Presidente dell’Andip (Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy). E un argomento particolarmente delicato, a cura dell’Avv. Diego Fulco, sarà “Privacy & Ricerca clinica: i campioni biologici come fonte d’informazioni. Gli obblighi per la comunità scientifica. I diritti degli interessati donatori di materiale biologico”.
Nella parte conclusiva, sarà dato spazio anche a “Reputazione Online, strumenti di diffamazione e violazioni privacy di nuova generazione: come affrontare la sfida “ e “Telemarketing: strumento commerciale efficace, ma attenzioni ai limiti posti dal Garante della Privacy”, a cura dell'Ing. Mario Frullone, Direttore delle ricerche della Fondazione Ugo Bordoni, gestore del Registro delle Opposizioni.
La partecipazione all'evento è gratuita previa registrazione per l'accredito.

mercoledì 11 aprile 2012

Tutela delle libertà fondamentali del lavoratore


L’analisi della Giurisprudenza in materia di diritto del lavoro ci consente di porre attenzione a pronunce che statuiscono principi generali a cui riferirsi ogni qual volta ci si trovi di fronte ad un problema di tutela non solo dei diritti del lavoratore, ma anche delle sue libertà fondamentali.
Infatti, e’ stata oggetto di analisi anche la relazione tra il recesso del datore di lavoro a fronte di comportamenti del lavoratore ricondotti o riconducibili all'esercizio di diritti о libertà fondamentali. Le Sezioni Unite, intervenute sulla questione (Cass., sez. un., n. 5924 del 14 marzo 2011), hanno affermato che il rifiuto del lavoratore allo svolgimento della prestazione lavorativa a cui è tenuto, a fronte di inadempimenti del datore di lavoro lesivi di diritti fondamentali, sia consentito ove venga in rilievo un diritto proprio del lavoratore od altrui.
Ovviamente, il rifiuto a svolgere la prestazione deve configurarsi quale condotta idonea ed adeguata ad impedire la lesione - non altrimenti evitabile, ovvero evitabile in modo eccessivamente oneroso - del diritto oggettivamente minacciato.
Qualora si tratti, invece, della possibile aggressione di un diritto altrui, la minaccia, avente ad oggetto un'offesa ingiusta, deve avere i caratteri della concretezza e dell'attualità e il titolare del diritto inviolabile non deve avere prestato il proprio libero e legittimo consenso, anche in via implicita, a tale situazione.

Studio Martelli & Partners

martedì 10 aprile 2012

e-book: i contratti informatici con formulario


L’avvento dell’informatica e di Internet ha completamente rivoluzionato la vita della nostra società e la conseguente nascita di tante problematiche giuridiche nuove ha indotto molti studiosi ed operatori del diritto, nel silenzio talvolta preoccupante del legislatore, a rimeditare sui concetti di autonomia negoziale e contratto, concetti elaborati, attraverso lunga evoluzione storica, in relazione a trattative concluse di persona o a mezzo comunicazioni scritte.
Il presente volume curato dal sottoscritto ha un obiettivo ben preciso che è quello di fare il punto della situazione nello specifico settore dei contratti informatici o dell’informatica sorti con l'avvento della Rete. Si tratta di una categoria giuridica che sconta un’indeterminatezza provocata principalmente dalla continua evoluzione del mondo informatico rispetto al quale il mondo del diritto a fatica riesce ad adeguarsi.
Sono sorte, così, diverse figure contrattuali nuove che si sono prepotentemente affermate nella prassi quotidiana e che vengono specificamente esaminate sotto il duplice profilo dell’inquadramento giuridico e della normativa applicabile.
La materia dei contratti telematici è estremamente varia e si presta a continui aggiornamenti in linea con il progresso tecnologico e naturalmente con la nascita di nuove tecnologie che costituiscono oggetto di particolari ed innovative transazioni.
Tali caratteristiche rendono particolarmente opportuno anche il formulario con il quale ho cercato di tener presente le tipologie contrattuali di maggiore rilevanza fornendo in determinati casi anche più versioni di una medesima tipologia.
Il volume "I contratti informatici" fa parte della collana di Altalex eBook "Informatica Giuridica" diretta dal sottoscritto.