martedì 15 giugno 2010

Focus E-GOV (1): Progetto Apulie


Il progetto Apulie (http://www.apulie.it/) è un modello innovativo di interazione tra le amministrazioni, i cittadini e le imprese, integrato nel processo di modernizzazione del sistema amministrativo regionale.
Obiettivo principale del progetto è rendere disponibili, in forma telematica, oltre 290 servizi, offerti dalla pubblica amministrazione a cittadini e imprese dell'intera regione, con standard omogenei di funzionalità e qualità. Nello sviluppo dei servizi è prevalsa la logica di riuso di strutture e risorse, per favorire economie di scala e la diffusione delle migliori prassi maturate dalle singole amministrazioni.
I servizi saranno immediatamente accessibili accedendo al portale A.pu.lie oppure accedendo all’area Servizi on line del Portale del Comune. Ciascun utente dovrà effettuare la propria registrazione sul Portale A.pu.lie tramite l’inserimento del proprio codice fiscale e la compilazione delle pagine informative richieste: a seguito di tale registrazione, a ciascun utente sarà assegnato un codice segreto di accesso (PIN) che verrà inviato a domicilio. Tramite l’inserimento del proprio codice fiscale e del PIN assegnato, l’utente potrà accedere alle varie macroaree di servizi, ricercare il sottogruppo di interesse, selezionare il servizio desiderato ed attivare la procedura di erogazione on line.
Punto di forza di Apulie è l'adesione di 154 comuni pugliesi, rappresentativi di un bacino di popolazione di circa 3 milioni di abitanti, organizzati in una rete di Centri di Competenza, coordinata dal Comune di Bari.
In Apulie, l'infrastruttura telematica permette l'uso di una molteplicità di canali di accesso ai servizi. Per ottenere direttamente certificazioni e documenti anagrafici, per interrogare banche dati, prenotare servizi sanitari, verificare la propria posizione fiscale, i cittadini possono avvalersi di più strumenti come call center, pc, chioschi, sportelli pubblici, telefoni cellulari o reti terze.
Le imprese possono disporre di informazioni sulle dotazioni infrastrutturali del territorio e consultare on line la cartografia catastale, i piani regolatori generali e altri dati il più delle volte non facilmente accessibili. Gli utenti usufruiscono dei servizi secondo le proprie esigenze, capacità o abitudini e allo stesso modo è garantita maggiore trasparenza dell'attività amministrativa e certezza dei tempi di risposta.
Apulie, per la qualità dei servizi offerti e per la modalità innovativa delle interazioni, rappresenta un presupposto per la crescita socio economica di tutto il territorio pugliese consentendo un considerevole aumento della qualità della vita di cittadini e imprese.
Il progetto Apulie è stato promosso, di concerto con l’ANCI Puglia, da 173 comuni pugliesi ed è realizzato con il supporto tecnico del Parco Scientifico e Tecnologico Tecnopolis. Apulie è co-finanziato dal Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Puglia con i fondi del FESR dell’Unione Europea, misura 6.2 del POR 2000 - 2006
Apulie rappresenta per le amministrazioni pugliesi una opportunità per il consolidamento dei legami all'interno dei diversi localismi, ma anche una occasione per la programmazione e lo sviluppo in comune di servizi e infrastrutture condivisi sul territorio.
Il modello del progetto si basa su una rete, coordinata dal Comune di Bari e guidata da otto amministrazioni comunali, referenti di altrettanti sistemi locali, organizzati secondo una logica di riuso che favorisce le economie di scala e la diffusione delle migliori prassi maturate dalle singole amministrazioni.
A ciascuna delle otto amministrazioni (Bari, Brindisi, Casarano, Cerignola, Lecce, Maglie, Molfetta, Taranto) è attribuita la responsabilità diretta dello sviluppo e manutenzione dei servizi di loro specifica competenza e, nei confronti dei singoli enti del sistema locale che rappresentano, quella dell'adozione dei servizi sviluppati.
La progettazione comune delle logiche di erogazione e di interazione del progetto A.pu.lie, così come del sistema di erogazione, garantirà ai cittadini e alle imprese della regione livelli standardizzati e omogenei di funzionalità e qualità dei servizi.
Il Centro Servizi di A.pu.lie, basato su standard comuni di hardware e di software di ambiente, con il compito di integrare la logica di erogazione ed interazione dei servizi ai cittadini e alle imprese ed essere in grado di servire qualunque amministrazione sul territorio regionale.
Al Centro Servizi sono connessi gli 8 Centri di Competenza (Bari, Brindisi, Casarano, Cerignola, Lecce, Maglie, Molfetta, Taranto) per lo sviluppo e la manutenzione dei servizi della propria area di competenza.
L'infrastruttura del Centro Servizi, dei Centri di Competenza e del complesso dei Comuni partecipanti costituisce un sistema a rete che valorizza le infrastrutture già esistenti, a partire dal Centro Servizi per la Gestione del Territorio già costituito dalle amministrazioni comunali di Bari, Adelfia, Capurso, Casamassima, Triggiano, Turi, Valenzano come risultato del progetto pilota AIPA catasto-comuni e dal Centro Servizi per le Attività Produttive realizzato dall’Area Sistema di Casarano.