domenica 9 maggio 2010

Processo civile e computer forensics: come produrre in giudizio un documento informatico?


Questo è stato il tema che ho affrontato il 4 maggio nel corso del Master sui rapporti tra diritto e nuove tecnologie che il Centro Studi Informatica Giuridica ha organizzato a Bari. Un tema affascinante ed alquanto complesso che ha visto me e l’ing. Zanero come relatori sia per la parte giuridica che per quella più squisitamente tecnica.
Naturalmente per una corretta impostazione dell’intera problematica bisogna partire dalla definizione di documento informatico fornito dalla normativa in vigore e capire cosa si intende effettivamente con tale espressione.
Il documento informatico è definito dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) come la rappresentazione informatica di atti, fatti, o dati giuridicamente rilevanti.
Da tale definizione si posso trarre interessanti conseguenze. Difatti, a fronte della tradizionale ricostruzione del documento come res rappresentativa di un fatto, frutto dell'attività di documentazione e consistente in oggetto inscindibilmente legato al contenuto, nel campo dell'informatica l'informazione rimane uguale a se stessa a prescindere dal supporto su cui in quel momento è registrata.
Questo è solo l’inizio di tutta una serie di considerazioni che vi invito a leggere nella presentazione scaricabile all’indirizzo www.micheleiaselli.it/docinf.pdf.