domenica 10 maggio 2009

Ma la Posta Elettronica Certificata è davvero affidabile?


Durante una recente conferenza stampa a Palazzo Chigi il ministro per la PA e Innovazione, Renato Brunetta ha annunciato che da settembre la posta elettronica certificata sarà a disposizione di imprese e cittadini. Lo stesso Ministro ha annunciato che gli uffici ministeriali stanno già lavorando ad un’apposita gara.
Dopo l’estate, quindi, cittadini e imprese potranno usare la Pec per dialogare con le amministrazioni, pretendendo una risposta per via telematica nei tempi previsti. Se questo non avverrà gli utenti potranno utilizzare la class action la cui regolamentazione è inserita nel decreto delegato che verrà presentato quanto prima al Consiglio dei Ministri. I primi comparti a partire con l’uso della e-mail certificata saranno Sanità e Giustizia.
Accanto però a questi annunci del Ministro ci sono molti studiosi e giuristi che nutrono non poche perplessità sulla validità tecnica e di conseguenza giuridica di tale strumento che, anche se enfaticamente annunciato sin dall’inizio come versione elettronica della raccomandata con avviso di ricevimento, non sembra invece garantire in maniera assoluta la reale paternità ed integrità del messaggio inviato per l’esistenza di delicati problemi di compatibilità ed interoperabilità.
Molto più facile, quindi, adottare altri sistemi ed in effetti lo stesso legislatore sembra nutrire dei dubbi quando in sede di conversione del famoso decreto legge anticrisi e cioè il DL 185/08 ha apportato delle modifiche importanti all’art. 16 dove veniva introdotta l’obbligatorietà per professionisti ed imprese della posta elettronica certificata. Difatti, nella nuova versione, per entrambe le categorie, non si parla più solo di indirizzo di posta elettronica certificata, ma anche di “analogo indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell'invio e della ricezione delle comunicazioni e l'integrità del contenuto delle stesse, garantendo l'interoperabilità con analoghi sistemi internazionali.