mercoledì 1 aprile 2009

Intercettazioni telefoniche: un giusto equilibrio tra privacy, giustizia ed informazione


Ieri 31 marzo si è tenuto a Roma un importante convegno in tema di intercettazioni telefoniche organizzato dalla rivista I.N.D. “Il nuovo diritto” e dall’associazione “Cittadini di Internet”, che ha visto la partecipazione di qualificati studiosi della materia ed una notevole affluenza di pubblico. Dai diversi interventi è emerso che, a prescindere dalle modifiche del regime giuridico allo studio dell’attuale governo, lo strumento d’indagine delle intercettazioni, per quanto importante, va utilizzato solo nei casi di stretta necessità e nel rispetto di quelle regole giuridiche già ben definite dall’attuale normativa. Per contro i giornalisti nel pubblicare le trascrizioni delle intercettazioni devono rispettare le regole deontologiche e le norme dettate in tema di protezione dei dati personali.
Il problema vero è che allo stato attuale sia i giornalisti che i magistrati non osservano le regole già esistenti per cui mai si potrà risolvere la delicata questione dell’equilibrio dei diversi interessi di rilevanza costituzionale coinvolti nel campo delle intercettazioni.
E’ possibile scaricare il mio intervento all’indirizzo www.micheleiaselli.it/Intercettazioni.pdf