lunedì 6 aprile 2009

E-gov 2012? Sarà un’impresa!!!


Sono due giorni che sto cercando disperatamente di pagare on line il bollo auto peraltro già scaduto. Mi iscrivo al sito poste.it e dopo aver compilato il bollettino, mi vedo respinto il pagamento con carta di credito senza alcuna spiegazione plausibile, utilizzo un’altra carta di credito con uguale infausto risultato.
Provo a telefonare al numero verde: le linee sono intasate non è possibile parlare con nessuno. Ma che bel numero verde!!!
Allora provo pagare sul sito dell’Aci con il bel servizio bollonet. Purtroppo scopro che la Regione Campania, come altre Regioni, non ha aderito alla convenzione per cui non è possibile usufruire del servizio. Disperato vedo se la Regione Campania ha previsto un servizio per il pagamento del bollo on line. Niente da fare la Regione introita solo i soldi.
Cerco altri portali, ma trovo solo servizi per calcolare il bollo on line, come quello dell’Agenzia delle Entrate, senza possibilità di pagare.
Ma egregio Ministro Brunetta non è vero che l’originario piano di e-government risalente al 2000 prevedeva che le pubbliche amministrazioni dovevano offrire servizi on line ai cittadini? Basta con le code agli sportelli!! Si gridava. Oppure non è forse vero che il Codice dell’Amministrazione digitale prevede un diritto dei cittadini ad ottenere dagli enti pubblici l’uso delle nuove tecnologie ed un corrispondente obbligo di questi ultimi?
Ebbene caro Ministro qui bisogna rimboccarsi le mani, perché siamo ancora a zero e non vedo come in poco tempo si possa rivoluzionare un sistema che fa acqua da tutte le parti.