domenica 14 dicembre 2008

Convegno: i nuovi approdi dell’informatica giuridica


Il giorno 20 dicembre 2008 si terrà a Locri presso la Sala Consiliare un interessante convegno che avrà come oggetto i nuovi approdi dell’informatica giuridica. Il Convegno è organizzato dalla rivista “Il nuovo diritto” in collaborazione con l’Accademia del Diritto, il Centro Studi Informatica Giuridica di Reggio Calabria, l’Associazione Giovani Legali e l’Associazione Italiana Giovani Avvocati – sez. di Locri.
Lo scopo del convegno è di approfondire le principali e più delicate tematiche dell’informatica giuridica e del diritto delle nuove tecnologie ponendo l’accento sugli aspetti più innovativi della materia.
In particolare il sottoscritto esaminerà gli aspetti giuridici più problematici del web 2.0. Non più una semplice "rete di reti", né un agglomerato di siti Web isolati e indipendenti tra loro, bensì la summa delle capacità tecnologiche raggiunte dall’uomo. Questa nuova mentalità, però, si pone spesso ai limiti con alcuni principi giuridici che assumono ormai un rilievo fondamentale nel nostro ordinamento: il diritto d’autore, la tutela della dignità, della libertà e della integrità della persona, la privacy e lo stesso concetto di sicurezza informatica. Il Prof. Avv. Massimo Melica si soffermerà ad analizzare le implicazioni giuridiche connesse all'utilizzo dei nuovi modelli di comunicazione digitale e in particolare le problematiche sottese all'utilizzo, sempre più diffuso e capillare, dei social network (come Facebook, LinkedIn, MySpace...). L'Avv. Roberto Scavizzi analizzerà l'importanza, al fine di fare aumentare la fiducia degli utenti, di applicare ai nuovi strumenti informatici per la stipula di contratti aventi ad oggetto la commercializzazione di servizi finanziari a distanza l'algebra di Boole, una diversa applicazione delle interfacce grafiche e delle simulazioni. L'intervento dell'avv. Antonino Quattrone verterà sull'annosa e poco discussa questione degli aspetti fiscali connessi all'uso delle nuove tecnologie informatiche. L'intervento del direttore della rivista Il Nuovo Diritto, Leo Stilo, sarà rivolto all'esame delle identità informatiche che ciascuno di noi, consapevolmente o meno, quotidianamente genera e possiede e dei rischi connessi ad un uso illecito di tali identità. Infine, il Prof. Renato Borruso, attraverso la lente dell'etica, suggerirà un ripensamento degli aspetti meno conosciuti e più importanti dell'uso dell'informatica sottolineando il fatto, di rilevanza copernicana, che nell'utilizzo del computer “la parola si fa verbo”.
L’evento è accreditato dal Consiglio Nazionale Forense. Per informazioni e prenotazioni http://www.ilnuovodiritto.com/ o scrivere ad info@ilnuovodiritto.com.